Indice


STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE
Federazione Pagana
ART. 1 denominazione
E' costituita una Associazione, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del
codice civile, sotto la denominazione "FEDERAZIONE PAGANA".
ART. 2 - scopo
Gli obiettivi e i fini principali dell'Associazione sono i seguenti:
L'associazione si prefigge lo scopo di organizzare e strutturare la
religiosita' del paganesimo, del politeismo, della stregoneria, e piu' in
generale di tutte le religioni non-monoteistiche. L'associazione ha
solamente uno scopo religioso.
l'associazione si propone di realizzare la dimensione religiosa del
paganesimo, del politeismo, della stregoneria in ogni campo e ambito.
ART. 3 Sede
La sede sociale è fissata dal Consiglio Federale secondo le necessità
gestionali dell'Associazione stessa.
Articolo 4 caratteristiche
L'Associazione non ha finalità di lucro, opera per l'esclusivo perseguimento
di finalità statutarie e la sua struttura è democratica.
La durata dell'Associazione è a tempo indeterminato.
La Federazione Pagana esercita le proprie attività secondo gli indirizzi
deliberati dai propri organi statutari per le finalità indicate dal presente
Statuto, nell'ambito delle legislazioni vigenti.
Si esclude l'esercizio di qualsiasi attività commerciale, che non sia svolta
in maniera marginale e comunque ausiliaria e secondaria rispetto al
perseguimento dello scopo sociale.
L'associazione respinge qualunque forma di discriminazione basata su sesso,
religione, appartenenza etnica, orientamento sessuale, appartenenza
ideologica, politica o culturale
L'associazione rifiuta ogni attivita' di tipo segreta, nessun membro della
federazione pagana e' tenuto al segreto.
L'associazione rifiuta ogni intolleranza, nessun membro della federazione
pagana e' tenuto all'obbedienza.
L'associazione richiamandosi ai valori ed ai principi di liberta' insiti in
ogni religione non-monoteistica, ed avendo il paganesimo, il politeismo e la
stregoneria lo scopo di liberare tutti gli individui, riafferma il principio
che nessuno debba sottostare a principi non liberamente accettati e
condivisi; nessun membro della federazione pagana e' tenuto a sottostare a
principi che non siano emanazione delle proprie predilezioni soggettive.
L'Associazione potrà compiere tutti gli atti e concludere tutte le
operazioni necessarie e utili alla realizzazioni degli scopi sociali,
collaborando anche con altre Associazioni od Enti, nazionali o esteri, che
svolgano attività analoghe o accessorie all'attività sociale.
Articolo 5 (Attività non consentite)
E' espressamente vietata ogni forma di sfruttamento commerciale del
Associazione, come ad esempio uso del nome e/o della struttura del
Associazione a fini pubblicitari o comunque per trarne profitto o qualunque
vantaggio personale.
Sono altresì severamente vietate tutte le attività illegali, ed ogni Socio
si impegna ad assumere un corretto e legale comportamento, anche al di fuori
dell'attività del Associazione, pena l'immediata espulsione. Ogni socio
dichiara implicitamente all'atto dell'iscrizione che il Associazione in ogni
caso non verrà considerato responsabile dell'attività dei suoi soci, per la
quale ogni socio risponderà sempre personalmente.
Articolo 6- soci
L'Associazione si compone di persone fisiche (membri) che, fermo il
principio della disciplina uniforme del rapporto e delle modalità
associative ed escludendo la temporaneità del rapporto, possono essere:
1. soci fondatori: coloro che sottoscrivono l'atto costitutivo
dell'Associazione. I soci fondatori hanno diritto di voto.
2. soci effettivi: coloro la cui domanda di iscrizione sia stata accolta
secondo le norme fissate dal presente statuto.
I soci effettivi hanno diritto di voto.
3. soci onorari: coloro ai quali, per motivati meriti nei confronti
dell'Associazione o delle sue finalità, viene conferito dall'Assemblea dei
soci, su proposta del Consiglio Federale, il titolo di Socio Onorario,
esente dal pagamento della quota annua. I soci onorari non hanno diritto di
voto.
i soci fondatori ed effettivi in modo uguale godono dei diritti e sono
soggetti ai doveri inerenti per legge e per statuto all'Associazione.
Solo i soci maggiorenni hanno voto deliberativo nelle assemblee e possono
essere eletti alle cariche direttive, ove ne ricorrano le condizioni.
Sono soci effettivi coloro, che condividendo il presente statuto e la cui
domanda di ammissione verrà accettata dall'assemblea dei Soci o apposita
commissione istituita dall'assemblea dei soci.
.Tutti i dati in possesso dell'Associazione verranno trattati con la
riservatezza imposta dalla L. 675/96.
Articolo . 7 - diritti e doveri dei soci
Tutti i soci fondatori ed effettivi, possiedono gli stessi diritti. Possono
partecipare a tutte le iniziative promosse dall'associazione ed intervenire
alle assemblee ordinarie e straordinarie.
Hanno diritto di voto, che possono esercitare direttamente o per delega
scritta, per l'approvazione e le modificazioni dello statuto, dei
regolamenti e delle delibere assembleari e per la nomina degli organi
direttivi dell'associazione.
Ogni socio ha diritto ad un solo voto, indipendentemente dalla quota
associativa versata.
I soci hanno diritto alle informazioni ed al controllo stabilite dalle leggi
e dallo statuto.
Ogni socio fondatore ed effettivo:
a) partecipa a tutte le attività e fruisce delle iniziative dei servizi
della Federazione Pagana.
b) esercita il diritto di voto per eleggere gli organi statutariamente
previsti;
c) partecipa alle manifestazione ed alle iniziative e sostiene le iniziative
della vita associativa.
d)Il diritto di voto puo' essere esercitato da tutti i soci effettivi
iscritti all'associazione da almeno tre mesi.
L'associazione richiede che ogni socio adempia ai seguenti doveri:
a) operare attivamente per affermare i principi, le idee, gli indirizzi e le
iniziative promosse dalla Federazione Pagana.
c) versare regolarmente i contributi associativi secondo le indicazioni e le
norme fissate dagli organi competenti;
d) osservare e adempiere alle decisioni contenute in Statuto e nelle e
delibere del Consiglio Federale.
Articolo 8 - Iscrizione
Possono presentare domanda di iscrizione all'Associazione tutte le persone
fisiche senza distinzione alcuna, che condividono il presente statuto.
L'assemblea dei soci o Il Consiglio Federale, a suo insindacabile giudizio,
può accettare o rifiutare tale domanda di iscrizione. La domanda di
iscrizione è presentata al Consiglio Federale.
L'iscrizione è effettiva al momento del pagamento della quota associativa ed
ha validità annuale.
Il modello di domanda di iscrizione è approvato dal Consiglio Federale.
Articolo 9 - Esclusione
Ogni attività illegale e la violazione delle norme contenute nel presente
statuto comporta la esclusione dalla Associazione. Costituiscono altresì
giusta causa di esclusione: l'utilizzo da parte del singolo socio della
struttura dell'Associazione al fine di trarne vantaggi economici o comunque
di lucro; l'adozione di condotte ostruzionistiche o comunque atte a
pregiudicare l'ottimale perseguimento dei fini sociali; la scorretta
gestione dei materiali dell'Associazione; comportamenti atti a gettare
discredito o comunque lesivi dell'onorabilità e del prestigio
dell'Associazione e dei singoli associati. L'esclusione del socio è
deliberata dall'Assemblea dei Soci o dal Consiglio Federale.
Un socio può essere espulso per indegnità con voto a maggioranza di due
terzi dei soci iscritti.

ART10 - Scioglimento del rapporto associativo
Costituiscono causa di scioglimento del rapporto associativo:
a)lo scioglimento dell'Associazione;
b)le dimissioni;
c)l'esclusione.
I soci che intendono dimettersi devono comunicarlo , con lettera A.R.,
all'associazione.
ART. 11 Contributi Associativi.
Tutti i soci sono tenuti a corrispondere la quota di ammissione e le quote
sociali periodiche nella misura determinata dal Consiglio Federale.
Il socio che non è in regola con i pagamenti non può esercitare i diritti
spettanti come tale e sarà escluso qualora la mora persista oltre i tre
mesi.
I contributi devono essere versati entro le scadenze fissate dall'Assemblea
dei soci.
ART. 12 Domicilio dei Soci.
Il domicilio dei soci, per qualsiasi rapporto ed atto tra gli stessi e
l'Associazione, viene eletto nella residenza indicata nella domanda stessa
od in quella risultante da successive comunicazioni del socio, da
effettuarsi all'Associazione mediante lettera raccomandata con avviso di
ricevimento.
ART. 13 ASSEMBLEA DEI SOCI
L'assemblea dei soci è composta da tutti gli iscritti ed è l'organo sovrano
dell'associazione.
L'assemblea, che è costituita da tutti i soci fondatori ed effettivi
maggiorenni in regola con il versamento dei contributi associativi
periodici, rappresenta l'universalità dei soci e le deliberazioni da essa
legittimamente adottate obbligano tutti i soci, anche se non intervenuti o
dissenzienti.
Il diritto di voto puo' essere esercitato da tutti i soci iscritti
all'associazione da almeno tre mesi.
L'assemblea è convocata dal Consiglio Federale almeno una volta l'anno, per
l'approvazione del rendiconto economico - finanziario, ovvero entro trenta
giorni dalla richiesta scritta di almeno un quinto dei soci aventi diritto
di voto contenente, a pena di inefficacia, l'oggetto o gli oggetti su cui
deliberare ed i motivi della richiesta stessa.
Nella convocazione devono essere indicati il giorno, il luogo e l'ora
dell'adunanza e l'elenco delle materie da trattare. L'avviso di convocazione
deve essere notificato almeno 15 giorni prima dell'adunanza.
L'assemblea è presieduta da una delle persone legittimamente intervenute
all'Assemblea e designata dalla maggioranza dei presenti. L'Assemblea nomina
un segretario e, se necessario, due scrutatori.
Le decisioni sono prese a maggioranza semplice dei presenti.
Per le modifiche allo Statuto è richiesta la maggioranza assoluta degli
aventi diritto di voto.
L'Assemblea dei soci si riunisce su proposta del Consiglio Federale o su
richiesta di almeno 20%i soci con diritto di voto.
Il Presidente dirige e regola le discussioni e stabilisce le modalità e
l'ordine delle votazioni.
Ogni socio ha diritto ad un solo voto, è ammessa la delega, ogni socio potrà
avere un massimo di deleghe pari al 20% degli aventi diritto di voto.
Delle risultanze e delle decisioni dell'Assemblea è redatto verbale in forma
sintetica. Tale verbale sottoscritto dal Presidente, dal Segretario ed è
trasmesso (anche per via informatica) ai soci per conoscenza, entro un mese
dall'avvenuta Assemblea, ed è approvato nella seduta successiva.
L'Assemblea elegge e revoca il Pontefice ed il Consiglio Federale.
L'assemblea è valida se è presente almeno il 20% dei soci.
L'assemblea può deliberare l'istituzione e la regolamentazione di ulteriori
organi dell'Associazione.
Articolo 14 - assemblee elettroniche
L'Assemblea dei soci e del Consiglio Federale puo' essere convocata nella
forma di una mailing list, valgono tutte le regole statutarie fissate per le
assemblee, l'assemblea dei soci puo' deliberare particolari regolamenti per
lo svolgimento delle assemblee elettroniche.
I Soci possono in ogni momento prendere visione di ciò che è stato scritto
sulla mailing list
Articolo 15 -Votazioni elettroniche
Sebbene sia sempre preferibile organizzare una riunione, è possibile anche
indire votazioni tramite posta elettronica: in questo caso la votazione
dovrà avvenire tramite messaggio del Presidente, ed avrà esito positivo se
la maggioranza dei votanti avrà espresso parere positivo. L'annuncio della
votazione dovrà avvenire da parte del Presidente almeno una settimana prima
del giorno stabilito come inizio, ed il periodo di votazione dovrà durare
almeno 5 giorni. Al termine del periodo di votazione il Presidente
comunicherà i risultati, insieme all'elenco dei voti.
Articolo 16 - Regolamento delle assemblee e delle votazioni elettroniche
Il Regolamento è il documento che riporta tutte le modalità di
funzionamento, procedure e punti particolari che non devono necessariamente
entrare a far parte dello Statuto. Il Regolamento viene discusso, stilato e
approvato dall'assemblea dei soci.
Articolo 17 - elezione del pontefice
Il Pontefice è eletto dall'Assemblea, salvo che quest'ultima ne deleghi,
interamente o in parte, l'elezione al Consiglio Federale stesso.
Il Pontefice presiede il Consiglio Federale. Il Pontefice rimane in carica
tre anni.
Articolo 18 Consiglio Federale
L'associazione e' diretta da un Consiglio Federale è costituito da un numero
variabile di membri, il loro numero e' determinato, in misura dispari,
dall'Assemblea dei Soci, scelti tra i soci dall'assemblea dei soci, che
restano in carica tre anni, e sono rieleggibili.
In caso di recesso anticipato, saranno sostituiti dai soci che, nell'ultima
assemblea abbiano conseguito un numero di voti immediatamente inferiore a
quello dei soci eletti.
Nel caso, invece, in cui venga meno la maggioranza dei suoi componenti, il
Consiglio Federale decadrà automaticamente dal proprio mandato e sarà
obbligo solidale di uno dei Consiglieri dei convocare, sempre entro quindici
giorni, l'Assemblea dei Soci per procedere alla nomina di un nuovo Consiglio
Federale.
L'assemblea dei soci puo' essere convocata anche su richiesta del venti per
cento dei soci.
Il Consiglio Federale nomina tra i suoi componenti tutte le cariche che
riterra' opportuno al fine del raggiungimento dello scopo dell'associazione.
Le riunioni del Consiglio Federale saranno convocate su iniziativa di un
rappresentante delegato dal consiglio Federale o su richiesta della
maggioranza dei Consiglieri, esse saranno tenute nella sede sociale o in
altro luogo indicato nell'avviso di convocazione.
L'avviso di convocazione dovrà essere comunicato almeno cinque giorni prima
della riunione e vi dovranno essere indicate le materie da trattare.
Il Consiglio Federale è validamente costituito con la presenza della
maggioranza dei Consiglieri in carica e delibera validamente con il voto
favorevole della maggioranza dei presenti.
Le deliberazioni del Consiglio, per la loro validità, devono risultare da un
verbale, sottoscritto da chi ha presieduto la riunione e dal segretario.
Il Consiglio Federale ha tutti i poteri per la ordinaria e la straordinaria
amministrazione dell'Associazione, fatta esclusione delle materie di
competenza dell'assemblea.
Il Consiglio può delegare a singoli suoi componenti l'esecuzione delle
decisioni prese e nominare commissioni di soci per specifiche funzioni
amministrative od attività dell'Associazione.
Articolo 19 patrimonio ed esercizio finanziario.
L'associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo
svolgimento della propria attività da:
quote associative e contributi degli aderenti;
sovvenzioni e contributi di privati, singoli o istituzioni, nazionali o
esteri;
sovvenzioni e contributi dell'Unione Europea, dello Stato, di istituzioni o
di enti pubblici, nazionali o esteri;
rimborsi derivanti da convenzioni;
entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali od
occasionali;
donazioni, lasciti e rendite di beni mobili o immobili pervenuti
all'associazione a qualunque titolo.
E' fatto divieto assoluto di distribuire, anche in modo indiretto, utili e
avanzi di gestione nonche' fondi, riserve, capitale o patrimonio durante la
vita dell'organizzazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non
siano imposte per legge.
Articolo 20 - organizzazione.
La Federazione Pagana articola la propria struttura nei livelli geografici,
territoriali o tematici od altro sulla base di apposito Regolamento emanato
dall'Assemblea dei soci.
Articolo 21 - strutture periferiche e collaterali.
L'assemblea dei soci potra' deliberare la costituzione di strutture
periferiche o collaterali.
In particolare ogni struttura periferica e collaterale in particolare:
a) è dotata di un proprio statuto conforme e in armonia a quello della
Federazione Pagana;
b)l'attività è diretta e coordinata da un responsabile eletto dai componenti
della struttura;
c) fatta salvo il rispetto degli scopi e della finalita' della Federazione
Pagana, la struttura periferica o collaterale e' pienamente indipendente,
autonoma e responsabile delle attivita' svolte,
d) non sara' attribuibile alla Federazione pagana responsabilita' alcuna per
le iniziative non preventivamente concordare.
Articolo. 22 obblighi delle strutture periferiche o collaterali.
Le strutture periferiche e collaterali, o le persone che le rappresentano,
sono responsabili per le obbligazioni assunte e non potranno per qualsiasi
titolo o causa, e in specie per il fatto dell'adesione alla Federazione
Pagana o della dipendenza da essa, chiedere d'essere sollevate dalle stesse.
Il Consiglio Federale ha facoltà di verifica dei bilanci delle strutture
periferiche o collaterali.
Eventuali controlli di natura amministrativa o interventi di natura
finanziaria disposti nei confronti o a favore delle strutture periferiche o
collaterali, costituiscono normale attività d'assistenza propria dell'
Associazione, senza assunzione di corresponsabilità.
Le strutture periferiche o collaterali dovranno attenersi alle norme
contenute nel presente Statuto Le norme degli statuti delle strutture
periferiche o collaterali in contrasto con il presente statuto sono
inefficaci nei confronti della Federazione Pagana, degli associati o di
terzi.
Articolo 23 Responsabilita'.
La Federazione Pagana risponde di fronte ai terzi ed all'autorità
giudiziaria unicamente delle obbligazioni assunte dall'Assemblea dei Soci o
dal Consiglio Federale.
Articolo. 24 rappresentanza dell'associazione
Il potere di rappresentanza dell'Associazione di fronte a terzi, nonché
quello di firma, spettano al Pontefice nominato dall'Assemblea dei soci: Il
Consiglio Federale per il compimento di singoli atti o la trattazione di
singole pratiche può attribuire detti poteri ad altri amministratori,
direttori o procuratori, che opereranno nei limiti stabiliti dal Consiglio
stesso.
Articolo. 25 Esercizio sociale e bilancio.
L'esercizio sociale inizia l'1 gennaio e si chiude al 31 dicembre di ciascun
anno.
Alla fine di ogni esercizio sociale il Consiglio Federale, entro il termine
massimo di tre mesi, deve redigere il rendiconto economico - finanziario ai
sensi di legge.
Articolo 26 - Approvazione del bilancio
L'Assemblea in sede di approvazione del rendiconto consuntivo determina la
destinazione specifica degli eventuali saldi attivi, che dovranno essere
interamente reinvestiti per il perseguimento delle finalità di cui all'art.
3 dello Statuto.
Articolo 27 - indivisibilita' del fondo comune e delle quote
Gli associati non possono chiedere la divisione del fondo comune, né
pretendere, in caso di recesso, quota alcuna a qualsiasi titolo, anche sotto
forma di restituzione di contributi in precedenza versati per tutto il
periodo di esistenza della Federazione Pagana.
Articolo. 28 Scioglimento.
Lo scioglimento dell'Associazione deve essere deliberato, sia in prima che
in seconda convocazione, da almeno i due terzi dei soci in carica.
In caso di scioglimento dell'associazione, per qualunque causa, il suo
patrimonio verrà obbligatoriamente devoluto ad altra associazione con
finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione
imposta dalla legge.
Articolo 29 - Modifiche allo Statuto
Le modifiche al presente Statuto potranno essere attuate in seno
all'Assemblea. Le proposte di cambiamento dovranno essere sottoposte al
Consiglio Federale almeno tre settimane prima della convocazione
dell'Assemblea destinata a discuterle. La votazione sui cambiamenti verrà
effettuata durante l'Assemblea. Per approvare i cambiamenti, è necessaria la
maggioranza assoluta dei soci aventi diritto di voto.
Articolo 30 cambiamento della sede
Per il cambiamento della sede sociale non occorre una apposita delibera
assembleare.
Articolo 31 Norme Finali.
Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto, trovano applicazione
le norme stabilite dal Codice Civile e dalla normativa vigente.
Federazione Pagana
I soci fondatori
(...)

 


indice